Posts by Claudia Zedda

7 motivi per scrivere testi brevi + 3 esercizi per imparare a farlo

  Il tema del momento sono i testi brevi. Sai come succede, leggi un testo breve sul giornale, vedi online l’articolo di un blogger che parla bene dei testi brevi, ti chiedono ogni giorno di scrivere testi brevi e una sera finisci ad interrogarti sui testi brevi, mentre canti la ninna nanna a tua figlia e leggi un giallo che ti annoia un po’. E’ vero: sono il futuro. Nel

Continue reading…

Come scrivere un testo leggibile: sull’indice gulpease e altri affari

  Scrivere è già una faticaccia, per di più una volta scritto un pezzo, confessalo, sei impaziente di condividerlo. Quindi una riletturina veloce che ti permette sempre di promuovere il tuo articolo e via, verso il web e oltre. Male giovane blogger, molto male. Scrivere sarà pure una faticaccia, ma editare un testo, correggerlo e revisionarlo è ancora peggio. Inoltre, prima di dargli le chiavi di casa e spedirlo per

Continue reading…

5 clienti che è meglio perdere che trovare

  L’altro giorno davanti ad un buon caffè al ginseng dico a mio marito “Sì, è parecchio in ritardo con il pagamento, ma è un buon cliente, non voglio perderlo”. E lui con tutta la sicurezza un po’ fastidiosa che hanno gli ingegneri informatici: “Cla, se non paga non è un buon cliente”. “In effetti”, penso io e non dico niente. Ma pesa che ti ripensa mi è venuto in

Continue reading…

2 libri per 1 weekend

Non lasciare che il tuo cervello si spenga ogni fine settimana. Fai come me, compra libri, libri, libri, libri. E che libri. Questo mese mi sono regalata:   Lavoro, dunque scrivo! Creare testi che funzionano per carta e schermi, di Luisa Carrada. Ed. Comunicare Zanichelli; Minuti scritti. 12 Esercizi di pensiero e scrittura, di Annamaria Testa. Ed. Rizzoli Etas.   Non ho dubbio che siano eccezionali. Immaginami: i raggi del

Continue reading…

7 motivi per cui un web writer dovrebbe praticare yoga

  Pratico yoga da almeno 15 anni: il giorno che ho iniziato ero in spiaggia, l’orologio segnava le sette del mattino minuto più minuto meno e il sole era tiepido e pigro. Da sinistra mi raggiungeva il vociare della risacca fresca, dalla destra la voce della mia insegnante che sembrava mi facesse i grattini sulla schiena. Per fortuna c’erano le formiche, perché io mi sarei addormentata molto volentieri.  Ricordo d’aver

Continue reading…