Essere Freelance

If I wanted to work for free i’d choose to be a volunteer, not a freelancer.

Category freelance

Mamme in mode freelance

  Diventare madre ti regala un punto di vista completamente diverso: fino a 22 giorni fa credevo che la vita fosse mia, trascorrevo ore a cazzeggiare su Pinterest (sospiro rassegnato) e infiniti momenti erano dedicati alla creazione di qualche nuova buona idea che presto o tardi avrebbe preso vita. Bene da 21 giorni le cose non stanno più così: essere freelance è diventata mamma, e di cambiamenti ce ne sono

Continue reading…

Desk Freelance: come tenerla in ordine

Non sempre organizzata e ordinata vanno di pari passo: potrebbe darti conferma chi mi conosce bene. Sarò pure una wonder woman dell’organizzazione (diciamo pure una fanatica) ma l’ordine è l’obiettivo al quale tendo da una vita, ma che raggiungo per brevi e felicissimi momenti. Mi commuovo ogni volta che vedo la mia scrivania in ordine, sbrillucicante, ammiccante e sicura di sé. Peccato che capiti davvero poco spesso, ma durante quelle

Continue reading…

Un primo Maggio da Freelance

  Delle volte indicano la luna e noi anzi che dare uno sguardo all’astro, fissiamo l’indice che incerto ci da la direzione. Capiterà anche domani, 1 maggio, festa dei lavoratori. In pochi penseranno ai lavoratori, in tanti si concentreranno sulla festa. Nessuna polemica, l’avrai capito, qui su EssereFreelance non amo le polemiche, tanto più quando sterili. Eppure poco prima di mettere in tavola la cena, mentre sgranocchiavo una carotina (tanto

Continue reading…

Essere Freelance diventa mamma

Forse ti sarai chiesta/o perché mai questi mesi mi sono un po’ defilata dalla scena. Non si trattava solo di pigrizia e di una buona mole di lavoro. Essere Freelance diventerà mamma, mamma per davvero intendo, non di un nuovo articolo, non di un nuovo progetto, non di un nuovo blog ma di una bambina in carne ed ossa. Sai di quelle che piangono, mangiano e… va beh, lasciamo andare.

Freelance in pigiama: quando si lavora in casa

Prima di diventare quella che sono, per lo meno professionalmente, le mie esperienze lavorative mi hanno sempre portata lontana da casa. In alcuni casi il posto di lavoro stava a 20 minuti dalla mia casetta, in altri 40 o 50 minuti più in là. Quel periodo della mia vita faccio fatica a ricordarlo con precisione: quel che non si dimentica tanto facilmente è lo stress del traffico e del ritardo,

Continue reading…