Breve manuale di risveglio per freelance dormiglioni

  Diciamo che non si tratta più di un mio problema latente. I miei risvegli hanno quasi tutti lo stesso suono: “Mamma”. “Mamma è qui” mentre mi dirigo in camera di mia figlia, impattando su (in ordine sparso) stipite della porta, scopa lasciata in giro il giorno prima, angolo del letto, scrivania appuntita che fa un male cane. Eppure ci sono alcuni giorni in cui il sole sorge limpido e

Continue reading…