Essere Freelance

Le parole che cercavi

Bullet journaling: ne hai mai sentito parlare?

  Ho la fobia dei fogliettini volanti, ho la fobia delle mail che mi intasano la posta. Google Mail proprio l’altro giorno si è lamentato: o cancelli roba, o ti compri spazio aggiuntivo! Con lui non fa a ragionare. Ha un caratteraccio. Ho provato a fare ordine, ma credo che comprerò giga. Sono un disastro. E Google mi mette l’ansia. Ma nel tentativo di arginare il problema nel breve, mi

Continue reading…

Aforismi ed il loro potere

Io amo gli aforismi. E non lo dico tanto per dire: li amo davvero. Li copio e li incollo ovunque, passo notti intere a leggerne di ogni genere, fintanto che gli occhi non si intrecciano, ne ho la casa tappezzata tanto che quando cerco quello adatto alla situazione che vivo o all’articolo o al libro che sto scrivendo… beh, non lo trovo. Ho pensato pure di creare un’agendina cartacea e/o

Continue reading…

Ti arrabbi mentre lavori? Qualche trucchetto per evitare di farlo

Questa estate ho letto molto: che poi dire ho letto non è corretto, piuttosto ho ascoltato. E ho ascoltato perché il mio nutrizionista mi ha obbligato a camminare. Tranquilli, c’è un nesso, il sole non mi ha bollito il cervello. Il tuo metabolismo è ai minimi storici – e mica voleva che rispondessi. – Se vuoi dimagrire… Si lo voglio! – Ho risposto non pensando alle conclusioni.

Il confronto: solo con te stessa

Il confronto: solo con te stessa Ciao amica cara, ciao amico bello. Di tanto in tanto risorgo dal mio torpore. Gli impegni si sono moltiplicati a vista d’occhio e una persona sensata avrebbe scelto già da tempo di chiudere il blog. Ma io, l’avrai capito, non sono una persona sensata. Per cui sto qui quando posso e mi sento felice tutte le volte che qualche lettrice o lettore mi scrive

Continue reading…

Distrazioni: evitarle è meglio che curarle

Distrazioni: evitarle è meglio che curarle   La mente fa strani scherzi quando è impegnata altrove. Te lo dice una che di distrazioni se ne intende. Pensa che quando frequentavo la scuola elementare la mia maestra mi chiedeva spesso se fossi sulla mia nuvoletta rosa. Riuscivo a distrarmi dalla lezione richiamata impellentemente dalla mia fantasia. Ai tempi non esistevano notifiche, mail e messaggi vocali e ci si aiutava come si

Continue reading…